Calciomercato LIVE

Ivrea 1905 e Ivrea Montalto tornano una cosa sola. Per la panchina...

Roberto De Paola, nuovo tecnico Ivrea
Roberto De Paola, nuovo tecnico Ivrea

Dopo tre stagioni fatte a braccetto dalla Terza alla Prima Categoria, l'Ivrea 1905 e l'Ivrea Montalto tornano ad essere una cosa sola. E' ufficiale, la fusione tra le due società orange della cittadina è cosa certa e in atto. Dalla separazione dell'estate 2015 con la costola Ivrea Montalto che prese vita dal settore giovanile, alla riunione dell'estate 2018 dove Ivrea tornerà ad avere una sola società (oltre che la solida realtà dei cugini di Banchette).

L'unione si fonderà sulla matricola più vecchia e storica dell'Ivrea 1905, mantenendo quindi la sua denominazione. Nel concreto i due club fonderanno i due organici, dirigenziali e tecnici (staff allenatori e giocatori). Ancora da eleggere il nuovo n°1 orange, mentre l'incarico di presidente onorario resta a Darwin Pastorin. Il ruolo di direttore sportivo sarà occupato da Mirco Maran (ds dell'Ivrea Montalto) e supervisionato da Alessandro Barcaro che assumerà l'incarico di Coordinatore Tecnico. Sul fronte tecnico è già stato scelto anche chi prenderà il comando della prima squadra: è ufficiale l'ingaggio dell'ex Bollengo Roberto De Paola, storica bandiera del club avendo giocato con la maglia orange in Serie D e Eccellenza.

Conferma tutto il ds Maran: "Più che fusione io la chiamerei unione. Si riparte con la matricola dell'Ivrea 1905 che è quella storica, si chiude invece il discorso Ivrea Montalto dove i suoi tesserati e dirigenti saranno trasferiti nella nuova società. In panchina abbiamo scelto Roberto De Paola, un nome di spicco per la piazza. Per il presidente invece nelle prossime settimane verrà eletta una figura già facente parte di uno dei due direttivi precedenti. Adesso la priorità sarà sistemare il settore giovanile e poi passeremo alla prima squadra: entrambe le società avevano un parco giocatori importanti, inevitabilmente dovremo scremare qualcosa. Comunque bisognerà anche capire che categoria faremo".

E si perché l'Ivrea 1905 farà domanda di ripescaggio in Promozione ma c'è molta incertezza sul fatto che questa possa essere accolta. La variabile chiave sono il numero di squadre che faranno l'Eccellenza. Da via Volta a Torino, sede del Comitato Regionale, infatti sembra che sia qualcosa più di un'idea la riduzione delle squadre di Eccellenza da 36 a 32, data la sparizione di alcuni club (Denso) e l'incertezza di altri. La volontà quindi sarebbe quella di evitare ripescaggi forzati e di massa creando situazioni di imbarazzo come nelle ultime due stagioni (Acqui, Novese e Piedimulera). Se così fosse anche le posizioni di ripescaggio dalla Prima alla Promozione si ridurrebbero (considerando poi che il buco lasciato dal Pavarolo è stato colmato dal Lascaris con la fusione dei due club, avvenuta ieri sera). Se invece in Eccellenza il numero resterà invariato allora le speranze orange di tornare sul palcoscenico della Promozione si alzano notevolmente.

Per una lettura più comoda e per goderti al meglio LIVE, risultati e classifiche della tua squadra, scarica la nuova App qui!

Luca Scanavino