Rimonta elettrica del Canelli che batte il Fossano e spicca il volo

Bosco ha nuovamente colpito!
Bosco ha nuovamente colpito!

Fossano (CN) Nella prima gara del nuovo anno il Fossano di mister Viassi si deve arrendere alla rimonta/vittoria del Canelli SDS che fa il colpaccio e vince per 2-1. La capolista non si arrende alla rete di Romani, firma il pari con il solito Niccolò Bosco e poi gioisce con il guizzo di Tommaso Redi, gioiellino che fa volare a più sei gli astigiani, distanziando proprio i cuneesi.

Romani artista

C'erano grandi attese per questo primo big match del 2019 e le emozioni non si sono fatte attendere troppo. A partire come un razzo è il Canelli. Dopo pochi secondi, angolo dalla sinistra di Celeste, di testa impatta Lumello, vola Busano compiendo un miracolo. Dall'angolo successivo, colpisce Alasia e Busano compie un altro super intervento dimostrando di essere un portiere che nonostante la giovanissima età è già pronto a palcoscenici importanti. La squadra di Raimondi gioca un calcio elegante, palla a terra, tutti compatti e punte sempre in movimento. Ma quando in campo ci sono le stelle, prima o poi qualcuna si illumina. Una stella si chiama Ricky Romani e grazie alla sua luce il Fossano al 14', al primissimo tiro in porta, passa in vantaggio: Romani fa tre passi, prende la mira, sinistro che dipinge, come un pittore, tutte le Alpi innevate, e palla sotto l'incrocio dei pali. E' proprio vero, calciare le punizioni è un arte, Romani come Giotto, un artista senza tempo. Calcio show sul terreno di gioco da ambo le parti. Al 23' cross di Brondino, incornata di Alfiero, para Gjo. Alla mezz'ora ripartenza a tutta velocità, pallone che arriva in mezzo, tira Bosco e salva tutto Campana. Il Canelli reagisce e attacca. Al 40' tiro di Di Santo, blocca i due tempi Busano. Al 42', arcobaleno di Celeste, fuori di un nulla.

Canelli stepitoso

Nella ripresa è il Canelli che dimostra a tutti di essere la capolista non per caso ma perché è una grande squadra che vuole vincere questo campionato. Il Fossano però parte bene: sponda di Alfiero per Cristini, blocca Gjo. Nel calcio moderno è fondamentale avere gli esterni bassi che fanno da attaccanti aggiunti. Cosa che il Canelli sa fare molto bene e infatti al 10' firma il pari: il terzino sinistro Fontana parte palla al piede, crea la superiorità numerica, pallone in mezzo, piattone di Bosco e Busano stavolta non può fare nulla. Azione strepitosa e rete numero 17 per il fortissimo attaccante di Raimondi, capocannoniere del torneo. Gli astigiani sono una furia e mettono alle strette un Fossano che resta sempre fedele alla sua filosofia di gioco: Celeste mette il turbo, tiro fortissimo, Busano ci mette le dita facendo un altra paratona. Al 21' contropiede degli azzurri, Romani serve Amoruso che tira clamorosamente alto. Al 27' pallone in aria per Alfiero che si gira, tiro a botta sicura e pallone che lambisce incredibilmente il palo. Errore non da Alfio-gol. Gol sbagliato e gol subito perché al 30' il Canelli mette la freccia e fa il colpo: ripartenza "tagliagola" che spezza in due il Fossano, Vaquero mette un pallone bellissimo, velo di Di Santo, Redi è al posto giusto, botta e rete. Rimonta completata per la capolista che fa festa grande.

Il Fossano ha sprecato e la capolista non ha perdonato. Canelli a più sei, una sentenza Bosco e Redi che pesano tantissimo. Stagione ancora lunga e campionato ancora aperto ma gli astigiani sono una super squadra.

Riccardo Ganci