B.Chianocco, due anni di squalifica per Cesareo e multa alla società

B.Chianocco multato
B.Chianocco multato

Tutto come da copione. Il brutto gesto del giocatore del Bussoleno Chianocco, Michael Cesareo, che al termine della partita contro il Barcanova ha inflitto un colpo al volto dell'arbitro (qui l'articolo) è stato punito dal giudice sportivo con due anni di squalifica, fino al 31 gennaio 2021. Un episodio però che mette in difficoltà anche la società valsusina, dati i precedenti di qualche settimana fa con il Collegno Paradiso, multata di 350.00 € per la recidività dei comportamenti dei suoi tesserati. Così il comunicato:

AMMENDA

Euro 350,00 POLISPORTIVA B. CHIANOCCO

Per il comportamento violento tenuto dai propri tesserati i quali, al termine della gara, rompevano la porta dello spogliatoio loro assegnato colpendola più volte con calci. L'entità della sanzione tiene conto, altresì, della recidività nei comportamenti violenti da parte dei giocatori della Società Chianocco, recentemente oggetto di sanzioni per i medesimi comportamenti violenti. Si ritiene la Società oggettivamente responsabile, a titolo risarcitorio, per i danni arrecati all'impianto sportivo della Società ospitante

SQUALIFICA FINO AL 31/ 1/2021

MICHAEL CESAREO

Per condotta violenta di particolare gravità, consistente nell'aver aggredito il direttore di gara, al termine della partita, sia verbalmente con insulti, sia fisicamente colpendolo volontariamente con un violento pugno all'altezza del lobo sinistro, facendolo cadere a terra e causandogli un forte dolore alla testa. In ragione del colpo subito, l'arbitro veniva accompagnato presso il Pronto Soccorso dell'Ospedale San Giovanni Bosco, ove venivano attestate le lesioni personali con referto medico indicante prognosi di otto giorni. Tale condotta violenta, concretizzatasi in un'azione connotata da una volontaria aggressività, integra la fattispecie sdi cui all'art. 11/bis del Codice di Giustizia Sportiva e comporta le sanzioni amministrative di cui alla delibera n.104 del Consiglio Federale F.I.G.C. del 17/12/2014, come previsto dall'art. 16, comma 4/bis del Codice di Giustizia Sportiva nel testo approvato dal Consiglio Federale F.I.G.C. (C.U. n.256/A del 27/01/2016).

La Redazione

Leggi altre notizie:BUSSOLENO CHIANOCCO