Caselle-Montanaro, playoff da brivido: le parole della vigilia

Le squadre di Caselle e Montanaro
Le squadre di Caselle e Montanaro

Non sono scese in campo nel primo turno dei playoff, avendo lasciato dietro di loro il vuoto più totale, ma ora scalpitano nell'attesa di ritrovarsi di fronte nella “finale” degli spareggi del girone C di Prima categoria. Stiamo ovviamente parlando di Caselle e Montanaro, che domenica si ritroveranno di fronte in via alle Fabbriche per il rendez-vous definitivo, dopo il successo per 3-0 dei rossoneri della gara d'andata e lo 0-0 maturato a fine aprile, un pari che ha consentito ai gialloblu di non farsi staccare dei fatidici 10 punti dagli aeroportuali, approdando così a questo playoff a cui, come ci spiega il vice presidente del Montanaro, Pellegrino Castrogiovanni, i canavesani arrivano carichi a mille: «Per la prima volta in questo decennio in cui la nostra società è rinata giocheremo una partita così importante e non vediamo l'ora di cimentarci con i nostri avversari. Siamo ben consapevoli di tutte le difficoltà che dovremo affrontare, compreso il fattore campo e l'handicap di dover assolutamente trovare la vittoria entro i 120 minuti, però nei momenti più delicati la squadra quest'anno ha sempre saputo offrire le sue migliori qualità e ci sentiamo pronti per questo appuntamento con la storia».

Con tre allenamenti a settimana e l'incoraggiante 2-2 nell'amichevole disputata contro la formazione d'Eccellenza del Chisola, in cui addirittura i canavesani erano passati avanti 2-0 grazie ai gol di Vanzini e Poleo, il Montanaro arriva praticamente nella miglior condizione atletica e psicologica a questa sfida, in cui l'unico assente sarà lo squalificato Luca Postiglione: «Abbiamo fatto di tutto per qualificarcila carica di Castrogiovannii ragazzi hanno fatto il massimo e ci siamo meritati questa bellissima esperienza. Siamo tranquilli e consapevoli del fatto che dovremo andare a Caselle per vincere, senza fare alcun calcolo ma solo cercando a tutti i costi il successo. Dopo il 2-2 col Venaria di fine marzo, la squadra ha capito che potesse davvero lottare con le due big del girone ed ambire a un posto in Promozione, ora starà a noi dimostrarlo con i fatti...».

Nessuna sgambata con formazioni di categorie superiori, ma “solo” due amichevoli nel circondario contro Cafasse Balangero ed Ardor San Francesco, entrambe ricche di gol, per il Caselle, che arriva a questa partita senza né squalificati né infortunati e forte della riconferma in blocco sia dell'attuale rosa che del suo allenatore, Andrea Di Muro: «Proprio per dare un segnale forte di riconoscenza a tutto il gruppo e togliere qualsiasi tipo di pressione in vista dei playoff spiega il direttore sportivo Lele Balluardoabbiamo già parlato con i ragazzi e con il tecnico dicendo loro che, qualunque sarà la categoria in cui giocheremo la prossima stagione, da parte nostra sono tutti ampiamente riconfermati. Fatte queste premesse, domenica ci aspettiamo una gara tosta, contro un avversario ricco di qualità e di giocatori d'esperienza, che arriva a coronamento di una stagione indimenticabile».

Il Caselle ha chiuso la regular season con la difesa meno battuta, solo 21 reti incassate alla pari dei “marziani” del Venaria e col secondo miglior attacco, in più tra le mura amiche ha collezionato 14 vittorie e un solo pareggio, l'1-1 col Colleretto, confermando quindi la buona nomea di amuleto che si trascina con sé il “Mensone”, anche se si troverà di fronte una squadra dall'alta propensione al gioco offensivo e dall'ottimo rendimento esterno come appunto il Montanaro: «In una gara secca di queste proporzioni i valori si annullano e le statistiche lasciano il tempo che trovanomette in guardia Balluardogià l'anno scorso, anche se con una formazione diversa e sotto un'altra gestione societaria, il Caselle s'era fatto beffare proprio nei playoff pur avendo il favore del campo e dei due risultati su tre, quindi sarà importante dimenticarsi di questi apparenti vantaggi e pensare solo a scendere in campo per vincere.Se riuscissimo a superare questo turno, infatti, verremmo inseriti nel quadrangolare da cui poi, almeno le prime due classificate,avrebbero la certezza d'andare in Promozione e quindi dovremo innanzitutto superare questo turno per ipotecare già una prima parte di promozione. Il terreno di gioco è stato tirato a lucido, i ragazzi sono pimpanti e concentrati sull'obiettivo, sarà per tutti una gran festa,facciamo in modo che domenica si chiuda nel modo più bello questo primo, fantastico, capitolo!».

Dawidh Solero

La Redazione

Leggi altre notizie:CASELLE MONTANARO