Barcanova, colpaccio Promozione: Lombardo ed El Aqir sbancano Caselle

El Aqir firma il 2-1
El Aqir firma il 2-1

Barcanova, colpaccio Promozione! Nel big match col Caselle, prima giornata del quadrangolare playoff che comprende anche Sizzano e Vigliano, i torinesi hanno sbancato il “Festone”, battendo 1-2 gli aeroportuali che, in questa stagione, avevano perso davanti ai loro tifosi solo la gara di Coppa Piemonte di fine aprile con la Chiavazzese. Una vera e propria impresa, dunque, quella dei rossoblu, bravi a spuntarla al termine di una gara tiratissima e dal risultato in bilico sino all'ultimo, più che mai decisa dagli episodi e dal grande cinismo sfoderato dagli ospiti, i quali, incamerando questi primi 3 punti, si sono ora portati in una posizione di grande vantaggio nella corsa alla categoria superiore e, già domenica prossima, qualora dovessero spuntarla anche contro i novaresi del Sizzano, oggi battuto 1-2 dai biellesi del Vigliano, potrebbero festeggiare il ritorno in Promozione.

Cronaca - Match più che mai combattuto, dicevamo, quello di via alle Fabbriche, con il Caselle che ha destato le migliori impressioni, spingendo tanto sia nella prima che nella seconda frazione, senza però mai riuscire a sfondare se non nella circostanza del vantaggio a opera di Damiani a inizio ripresa, quando l'incontro sembrava essersi messo sulla strada giusta per i rossoneri. Nel giro di un paio di minuti, però, il destino s'è capovolto, con i torinesi che, trascinati dall'indomito Lombardo, hanno subito ritrovato la parità su calcio di rigore procurato e trasformato dallo stesso sempreverde bomber, circostanza che è costata anche il secondo giallo, e relativo cartellino rosso, al difensore di casa Guelfo. Sull'1-1, il Caselle, pur in inferiorità numerica, ha cercato ancora di riportarsi avanti, affidando all'incontenibile Palma le sue folate offensive. Proprio al termine di una di queste, attorno al quarto d'ora, Barrella ha rischiato di combinarla grossa stendendolo in area, ma il seguente penalty, che poteva tagliare nuovamente le gambe ai torinesi, è stato calciato sul palo da Alestra II, a Rosso spiazzato. Altre occasioni per i rossoneri, poi, verso la metà della ripresa, l'ingresso tra i rossoblu di El Aqir, il quale aveva già punito gli aeroportuali nella gara di Coppa Piemonte, ha spostato gli equilibri a favore del Barcanova, contribuendo a dare manforte a Lombardo là davanti alzando il baricentro della squadra di Giulio Campanile. Tutto questo, sino all'arrivo del gol, realizzato proprio dallo stesso El Aqir, bravo nel trovare lo spiraglio giusto spedendo la sfera di testa all'angolino basso in una mischia nell'area rossonera. Nel finale, l'ultimo sussulto lo regala ancora Palma, superlativo nel liberarsi e portarsi a tu per tu con Rosso, quanto incapace poi di centrare la porta quando il gol sembrava ormai fatto.

Spogliatoio Barcanova - Vittoria non pesante, ma di più, per il Barcanova che ora “vede” la Promozione: «Siamo un gruppo meraviglioso e questa gara l'abbiamo vinta col cuore – esulta al triplice fischio la punta rossoblu Emanuele Lombardo, al 305esimo centro in carrieranonostante tutte le difficoltà di formazione abbiamo tirato fuori una grinta e un carattere che sono le squadre più affiatate possono avere e siamo riusciti a battere una squadra fortissima. Ora non distraiamoci troppo e proviamo a ripetere questa prestazione anche domenica prossima col Sizzano!».

«Queste partite si vincono cosìl'eco del suo allenatore, Campanilepiù di questo non potevo proprio chiedere ai miei ragazzi, che si sono dimostrati una volta di più straordinari e capaci di regalare momenti unici. Questa è una stagione pazzesca, caratterizzata da mille ribaltoni ma l'epilogo a cui andiamo incontro sembra degno del finale di una vera e propria favola, quindi starà a noi chiudere nel migliore dei modi con le prossime due partite. Nonostante la rosa un po' corta, quando le partite contano noi veniamo fuori alla grande, ma ora dobbiamo ricaricare le batterie e prepararci alla nuova battaglia che c'attende domenica prossima».

Spogliatoio Caselle - Grandissima delusione, ma anche la consapevolezza che non tutto sia ancora perduto, soprattutto se si continuerà a giocare così bene e si finalizzerà almeno in parte quanto prodotto, quello che emerge dallo spogliatoio rossonero. Il primo a parlare è capitan Tano Alestra: «È stata una gara stranissima, in un attimo è cambiato tutto e forse i nostri avversari sono stati premiati dalla maggiore esperienza, che fa tanto quando s'arriva a questo punto della stagione. Noi però abbiamo dimostrato di non essere inferiori,né tecnicamente né tatticamente, ad alcuna squadra quindi rimaniamo fiduciosi per le prossime due gare, vincendole entrambe almeno il secondo posto non ci dovrebbe sfuggire. Gran parte del nostro futuro, quindi, dipende ancora solamente da noi e su questo dobbiamo puntare per risollevarci e non farci assalire dalla frenesia e dalla paura d'aver già buttato una stagione così bella. Cerchiamo di restare sereni, insomma, magari buttandola dentro quando ne avremo l'occasione, perché alla fine è stata questa la differenza tra noi e il Barcanova. Concentrati su domenica e sulla trasferta col Vigliano, dunque, perché se lo battiamo ci rimettiamo in carreggiata e ci prendiamo una grossa fetta di Promozione!».

«Purtroppo abbiamo avuto tutti gli episodi control'amara sintesi del mister casellese Andrea Di Muroa inizio ripresa abbiamo pagato l'altalena di situazioni favorevoli e sfavorevoli e, nonostante il rigore sbagliato e l'inferiorità numerica per praticamente tutto il secondo tempo, abbiamo sempre dominato un avversario molto forte e deciso come il Barcanova e questo ci deve infondere fiducia per le prossime due uscite. Domenica avremo assenze pesanti come quelle di Guelfo e Grimaldi, oltre a quella di Bussi, ma abbiamo tutte le carte in regola per riuscire a vincere lo stesso, in fondo dipende ancora tutto da noi...».

Dawidh Solero

La Redazione

Leggi altre notizie:BARCANOVA CALCIO CASELLE