C'è troppo Villarbasse per un Virtus Villa in emergenza: 0-3 la finale - I AM CALCIO TORINO

C'è troppo Villarbasse per un Virtus Villa in emergenza: 0-3 la finale

Berti fa centro dal dischetto
Berti fa centro dal dischetto
VcoCoppe

Nel rovente scenario tipico di una domenica di fine giugno si gioca sul sintetico di Casale Monferrato la sfida tra Virtus Villadossola e Villarbasse, valevole per assegnare la Coppa Piemonte regionale di Seconda e Terza categoria, che è di fatto l'ultima gara della stagione 2018-19. Una partita a cui gli ossolani giungono fortemente decimati, con ben sei assenze tra i titolari che pregiudicano la possibilità per mister Massoni di far scendere in campo il miglior Virtus Villa. Non ha problemi di formazione sul fronte opposto mister Lucibello che può schierare il miglior Villarbasse che fin dalle prime battute chiarisce che ancora una volta la Coppa prenderà la strada di Torino, seguendo nell'albo d'oro il Salsasio campione uscente del trofeo.

Predominio schiacciante Senza giocatori come Primatesta, Rovereti, Cugliandro e Tettamanti oltre a Rota e Bariletta a mezzo servizio, Massoni è costretto a reinventarsi il Virtus Villa schierando in posizione avanzata Bellotti completamente fuori ruolo, Sesto al centro della difesa e Tomola in mediana accanto a Valci e Savoia. Gli ossolani faticano a raccapezzarsi sul campo anche perché i torinesi si presentano con la difesa a tre ed una formazione molto propositiva, prendendo in mano le redini della gara fin dalle primissime battute. Al 7' il diagonale di Promio saggia i riflessi di Olmi che para sicura a terra, risponde Savoia all'11' non trovando la misura da fuori area per quello che sarà l'unico pallone spedito nel primo tempo verso la porta di Dalmasso. Al 21' Pignataro fornisce un saggio delle sue qualità balistiche con una pericolosissima punizione che esce di poco alla destra di Olmi; gioisce al 25' il Villarbasse ma il colpo di testa di Alessandro Miraglio che insacca la punizione di Pignataro, arriva da posizione di fuorigioco e la terna cuneese annulla. Ancora Pignataro cerca il bersaglio grosso con una conclusione a giro fuori bersaglio (27') ma è il 32' il minuto che decreta il meritato vantaggio torinese: Savoia si dimentica di seguire Milone sullo scambio veloce, l'esterno sfonda sulla destra e mette al centro dal fondo per Promio che, in caduta e con un po' di fortuna, al secondo tocco infila Olmi. Lo stesso portiere ossolano al 41' non è perfetto sulla punizione di Pignataro trovando in De Pani un valido aiuto per contrarre il tap-in di Milone, pronto ad esultare per il raddoppio.

Minuti fatali Il Virtus Villadossola ha una sola chance, partire forte nella ripresa per spendere l'ultime energie alla ricerca di un complicato pareggio. Ma gli ossolani al ritorno in campo devono fare i conti con gli avversari, che tengono benissimo e sono capace di ripartire con pericolosità andando più volte vicini al raddoppio. Al 6' Angelo Russo da fuori area non inquadra lo specchio virtussino, all'8' Pignataro elude la trappola del fuorigioco scattando con i giri giusti ma sbaglia il match point a tu per tu con Olmi, spedendo la sfera sul corpo del portiere ossolano. Al 13' il neo entrato Nicosia lancia il contropiede, Simone Fugalli ha seguito bene l'azione ma da posizione invitante spedisce fuori dai pali. Dove non arriva il Villarbasse però provvede il Virtus Villa a farsi male da solo, su un pallone a campanile Tortora commette una clamorosa ingenuità forse abbagliato anche dal sole e tocca la palla con la mano in piena area di rigore: dal dischetto si presenta Berti che al 16' chiude ogni discorso. Anche perché passa un solo giro d'orologio e Federico Miraglio si inventa la gran giocata che da posizione defilata consegna lo 0-3 ai torinesi. Fine delle trasmissioni: il Virtus Villadossola esce letteralmente dal campo badando solo a non subire ulteriormente, il Villarbasse continua ad attaccare ma con minor convinzione e la partita scivola via. Al 20' una gran giocata di Pignataro mette Promio in porta ma il pallonetto del trequartista torinese non è preciso, al 27' Calloni cerca il gol della bandiera su punizione ma Dalmasso si distende disinnescando la parabola dell'ex Città di Verbania. Al 37' ancora Federico Miraglio, pochi secondi prima di uscire, prova ad arrotondare la distanza ma la mira non è più quella buona. Vince l'afa e il finale è una lenta attesa del fischio conclusivo: il Villarbasse conclude come meglio non avrebbe potuto la stagione, al Villa rimangono i rimpianti di una finale giocata in emergenza conclamata.

VIRTUS VILLADOSSOLA-VILLARBASSE 0-3

Reti: 32' Promio; 16'st Berti rig., 17'st F. Miraglio.

Virtus Villadossola (4-4-2): Olmi; Tortora (19'st Giorla), Martinetti, Sesto, De Pani; Pirone, Tomola (29'st Rota), Valci, Savoia; Bellotti (9'st Bariletta), Calloni (33'st De Regibus). A disposizione: Pavesi, Gaboli, Baccaglio. All. Massoni.

Villarbasse (3-4-1-2): Dalmasso; A. Miraglio, Giordano, Pisano; Milone, Berti (25'st D. Russo), A. Russo (12'st Nicosia), S. Fugalli (30'st M. Fugalli); Promio; Pignataro (42'st Cavallini), F. Miraglio (38'st Malcangi). A disposizione: Trovò, Cairola, Zocco, Ortoncelli. All. Lucibello.

Arbitro: Andeng di Cuneo.

Note: Ammoniti Olmi e Bariletta del Virtus Villadossola. La gara è stata giocata sul sintetico "Bianchi" di Casale Monferrato.

Carmine Calabrese